Cascina Bonetto

Published in Produttori Cultivar

Cascina Bonetto, azienda agricola della Val Pellice, fornirà entrambe le due cultivar di mela, renetta e gala, che si potranno assaggiare alla Via del Gelato a Terra Madre salone del Gusto 2016

cascina bonetto logolungo700

Cascina Bonetto è un’azienda agricola a conduzione familiare attiva da più di un secolo, nel centro della Val Pellice, che dedica 2 ettari di terreno alla coltivazione di frutta e gli altri ettari a prato, che d’estate producono fieno e nelle altre stagioni ospitano il gregge di un giovane allevatore ovicaprino per il pascolo.

Scopri i prodotti di questa azienda e in particolare le antiche mele piemontesi, presidio Slow Food, nel laboratoio che si terrà Venerdì 23 nell'area incontri della Via del Gelato. Per assicurarti un posto clicca qui:
www.viadelgelato.com/it/15-le-cultivar-del-gelato-le-mele-del-piemonte

La produzione di frutta inizia a giugno con i mirtilli, prosegue in agosto con le pere William, e da metà settembre in poi le mele, prima le Gala e le Renette, e a seguire Golden Stark Fuji Jonagold ed infine le Antiche Mele Piemontesi.
A novembre si termina la raccolta con i Kiwi.
Le diverse varietà di frutta accontentano i palati più esigenti con un’ampia gamma di gusti e profumi, nel rispetto di un disciplinare di produzione che le rende adatte al consumo con la buccia per non perdere nemmeno un grammo di bontà e salubrità. In questa sezione una breve panoramica di tutte le varietà coltivate nei nostri frutteti.

Antiche mele del Piemonte - Presidio Slow Food

La melicoltura piemontese ha una storia antica e gloriosa, iniziata addirittura nell’Alto Medioevo, quando gli ordini monastici coltivano e migliorano le varietà sopravvissute alle invasioni barbariche.
Nel Settecento, grazie ai contadini che varcano le Alpi in cerca di lavoro, arrivano dalla Francia nuovi innesti e nuove tecniche colturali.
Ancora all’inizio del Novecento il Piemonte possiede migliaia di varietà, ma lo sviluppo dell’agricoltura industriale fa una crudele selezione. Il mercato, infatti, preferisce le varietà straniere: più grandi, più belle e più adatte alle tecniche moderne.
Ma non tutto è perduto.

Proprio nelle aree marginali sono sopravvissute molte vecchie varietà. Alcune di queste possono avere un brillante futuro, non soltanto nei «campi collezioni» perché sono buone, aromatiche, rustiche e resistenti.
Il Presidio ha riportato sul mercato otto di queste vecchie varietà:
la Grigia di Torriana, tondeggiante, leggermente schiacciata, gialla, ruvida e rugginosa, con la polpa bianca e dolce;
la Buras è simile alla Grigia, ma più simile nel gusto alle renette;
la Runsè è inconfondibile per il colore rosso vinoso striato, la buccia lucente ed il gusto acidulo;
la Gamba Fina ha forma appiattita, colore rosso scuro e polpa bianca;
la Magnana è piccola e rossa, puntinata di lenticelle bianche;
la Dominici è grande, un po’ allungata, con la buccia gialla leggermente ruvida e la polpa color crema;
la Carla è piccola, irregolare, giallo-paglierino screziata di rosa, ed è l’unica a maturazione precoce;
la Calvilla è bella, aromatica, profumata, ma molto delicata, nelle varietà bianca e rossa.

L’area di produzione è quella pedemontana che va dal Canavese alla Val Grana, anche se la parte più cospicua di questa produzione proviene dai comuni di Bibiana, Lusernetta, Bricherasio, Pinerolo, Cavour, Osasco, e per la provincia di Cuneo da Verzuolo, Piasco, Caraglio e Castellar.

Cascina Bonetto

Via IV novembre 15 – 10060 LUSERNETTA
http://cascinabonetto.com

Share »
Stampa la Mappa

Ultime News